Porta Nuova Garibaldi Edificio E1/E2

Gino Garbellini – Founder Piuarch
Il progetto e Portanuova Building è il risultato di un concorso indetto dalla proprietà americana che voleva una torre che fosse in armonia con le altre torri che chiudono la corte, la nostra idea invece era di fare un edificio basso, che avesse più la volontà di relazionarsi al contesto cioè di diventare la cerniera tra città storica che sta alle spalle “Corso Como” e la città invece contemporanea fatta da questi edifici un pò come delle astronavi.
L'edificio ha una doppia diciamo anima, una che guarda appunto la città alle spalle e quindi ha un disegno molto rigoroso una modalità diciamo contemporanee di interpretare il rigore delle facciate storiche della città ottocentesca ed invece una facciata molto aperta verso la piazza verso nord quindi senza richieste di protezione al sole ma soprattutto di grande trasparenza, e un’elemento forse l'elemento più importante che è quello che tiene insieme tutto che questo nastro bianco che disegna l'edificio su tutte le facciate.
Alessandro Bertolani – Founder & CEO Bertolani Costruzioni
Lo scopo era quello di ottenere superfici grandi luci con facciate ventilate senza giunti, per ottenere questo risultato tutta la fase di progettazione preliminare ha richiesto un intenso lavoro che è durato circa otto mesi dove assieme allo studio Piuarch che ha curato tutta la parte estetica e architettonica abbiamo dovuto interfacciarci con uno studio di ingegneria con sede a basilea e con la sede del produttore di questi sistemi che era Sto che ha sede in Germania.
Tutta questa fase iniziale ha permesso di ottenere queste superfici che erano il desiderio progettuale che davano l'involucro esterno dell'edificio molto iconico realizzato all'interno del complesso immobiliare Porta Nuova Garibaldi

Questo edificio richiedeva una tecnica molto raffinata per consentire di ottenere queste superfici grandi luci senza giunti di dilatazione, in particolar modo parliamo delle facciate Est Ovest che rappresentano una sfida ingegneristica molto importante.
Si è potuti arrivare a questo risultato attraverso l'ingegnerizzazione di una sottostruttura realizzata con elementi prefabbricati di carpenteria leggera appoggiati sulla prima trave all'altezza dello sbalzo che questo edificio sulle facciate ha rispetto al corpo centrale che il corpo retail.
Questi moduli prefabbricati sono stati appoggiati su una mensola governata dalle deformazioni della prima trave e successivamente hanno consentito le oscillazioni grazie a delle slitte che sono state realizzate in corrispondenza di tutte le altre travi ai piani superiori, grazie a questo intervento coordinato con uno studio progettazione internazionale siamo riusciti ad ottenere il risultato che era nel desiderio progettuale.

Gino Garbellini – Founder Piuarch
Dietro questa complessità del sistema che poi produce un risultato semplice la cosa interessante questa contrapposizione tra un percorso molto complesso ed un risultato estremamente semplice, in quell'immagine molto chiara, ci sta un lavoro di grande ingegnerizzazione in cui Bertolani ha dato un contributo straordinario perché ha messo insieme alle nostre richieste in questa diciamo macchina costruttiva estremamente complessa e la complessità è fatta poi di lavoro, lavoro con i loro tecnici lavoro con noi e la cosa che mi ha forse sorpreso di più è la qualità delle aziende che hanno realizzato l'opera perché in fondo può essere ben pensata ma se realizzata male il risultato finale si vede.
Forse la cosa che mi è piaciuta di più è questa collaborazione continuativa e molto tecnica tra l'architetto e l'azienda e soprattutto la capacità straordinaria di persone che hanno messo in opera una facciata che è li da vedere, che nonostante gli anni ha mantenuto quella caratteristica voluta dall'architetto.
Progetto: PORTA NUOVA GARIBALDI EDIFICIO E1/E2
Location: Milano
Progettista: Piùarch - Garbellini Ing. Gino
Anno: 2012

Nel complesso immobiliare Porta Nuova Garibaldi a Milano, promosso da Hines Italia SGR nel 2012, abbiamo realizzato il rivestimento esterno dell’edificio E1/E2, utilizzando la tecnologia prefabbricata, per  realizzare il desiderio progettuale di facciate grandi luci, senza giunti di dilatazione.
Il progetto, realizzato da Piùarch, è stato insignito del premio Architetto dell’anno 2013.
Le opere da noi eseguite riguardano tutti i rivestimenti opachi esterni realizzati con il sistema di facciata ventilata continua STO Ventec R, e finitura superficiale con pittura autopulente STO Lotusan Effetc. L'applicazione di questo sistema ha consentito l’esecuzione di una facciata di oltre 600 mq senza l’inserimento di giunti strutturali.

Tag:  Archistar gino garbellini piuarch progettazioni costruzioni realizzazione sistemi costruttivi a facciata ventilata alessandro bertolani

Sigla.com - Internet Partner
+39 0386 41018